Incidenti stradali - Euro Infortunistica Stradale

Soci Lucio Trevellin & Degli Innocenti Rodolfo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Incidenti stradali

Incidenti Stradali




  La diminuzione anche nel 2011 degli incidenti stradali con danni alle persone – ha dichiarato il presidente dell’ACI Sticchi Damiani – è confortante. La stima ACI-ISTAT riguarda gli incidenti con danni fisici verbalizzati, cioè accertati dalle Forze dell’Ordine. Rimane tuttavia molto forte la differenza con il numero degli incidenti con danni fisici effettivamente risarciti nello stesso periodo dal sistema assicurativo.
  Ad esempio nel 2010, a fronte di 306.825 danneggiati negli incidenti verbalizzati, le assicurazioni hanno risarcito danni fisici a 1 milione e 70 mila persone. Per quel che riguarda il 2011, ACI e ISTAT stimano 295.800 persone danneggiate, mentre la stima fatta dal sistema assicurativo ne prevede 970.000.
  In Italia, infatti, oltre il 70% degli incidenti con danni fisici non viene censito dalle Forze dell’Ordine; questo apre la strada alle frodi e si ripercuote pesantemente sulle tariffe molto elevate pagate dagli automobilisti”.
   “Appaiono dunque assolutamente necessarie – ha concluso Sticchi Damiani – le misure recentemente varate dal Governo che cambiano le modalità di accertamento dei danni fisici. Collegando queste misure alle proposte suggerite dall’ACI, si potrebbe ottenere una riduzione delle tariffe RCA fino al 30%”.


Nel 2011 si sono verificati sulle strade italiane 205.000 incidenti stradali con lesioni a persone (-3%, rispetto al 2010), con 3.800 morti (-7,1%) e 292.000 feriti (-3,5%).

Lo evidenzia la stima preliminare sull’incidentalità stradale italiana nel 2011 predisposta da ACI e ISTAT che oggi sarà diffusa anche a Bruxelles in ambito europeo.

Il confronto a livello europeo dimostra che si può fare di più: il tasso di mortalità (numero di morti sulle strade ogni milione di abitanti) in Italia è pari a 63 ed supera di poco la media UE.

I Paesi più virtuosi sono il Regno Unito (32), Olanda, Svezia e Danimarca, mentre quelli più in difficoltà sono Polonia (109 morti ogni milione di abitanti), Grecia e Romania.

Soci Lucio Trevellin & Degli Innocenti Rag. Rodolfo - P.IVA 03497830285
Torna ai contenuti | Torna al menu